A differenza di altri sistemi dove troviamo vari dischi o volumi, in un sistema unix-like l’albero delle directory è unico.
All’avvio il kernel monta la root directory dell’albero (indicata con “/”), qualunque altro disco o cartella viene montata successivamente in opportune sub-directory della radice.

Con il comando tree è possibile visualizzare l’albero delle directory a partire dalla directory corrente. Aggiungendo l’opzione -L si può limitare il numero dei livelli da percorrere.

L’organizzazione dell’albero delle directory è standardizzata da un documento che si chiama Filesystem Hierarchy Standard (FHS).

Ogni browser ha una lista di elementi HTML supportati.Qualunque elemento non compaia in quella lista è da considerarsi un “elemento sconosciuto”.

Alla domanda su come applicare uno stile a questi elementi e su come renderizzare il DOM in questi casi, ogni browser ha dato una risposta differente.

E’ necessario sapere che tutti i browser renderizzano gli elementi sconosciuti come inline.
Poiché la maggior parte dei nuovi elementi HTML5 sono block ciò potrebbe comportare gravi cambiamenti alla visualizzazione del layout.

Ogni file su Linux ha tra le sue proprietà tre tipologie di tempo: il tempo di ultima modifica, il tempo di cambiamento e il tempo di ultimo accesso.

Eseguendo il classico comando ls -l per avere una lista dettagliata dei file di una cartella, vedremo che ogni file ha associata una data.

Il tempo mostrato di default da ls è il tempo di ultima modifica (modification time o mtime).

E’ possibile aggiungendo l’opzione -c visualizzare il tempo di cambiamento (change time o ctime) al posto di quello di ultima modifica.

Per visualizzare il tempo di ultimo accesso (access time o atime) basta cambiare l’opzione in -u.

La struttura che identifica univocamente un singolo file all’interno di un filesystem è il cosidetto INODE: ciascun file è associato ad un inode in cui sono mantenute tutte le informazioni che lo riguardano come il tipo, i permessi di accesso, utente e gruppo proprietari, le dimensioni, i tempi e tutti i riferimenti ai settori del disco che contengono i dati.

L’unica informazione relativa al file non contenuta nell’inode è il suo nome; infatti il nome di un file non è una proprietà del file, ma semplicemente una etichetta associata all’inode.

Il concetto base dell’architettura di ogni sistema Unix come GNU/Linux è quello di una rigida separazione tra il kernel e i processi. Questo si traduce nella definizione di uno User Space e di un Kernel Space.

KERNEL SPACE: E’ l’ambiente in cui viene eseguito il kernel, in modalità privilegiata. Il kernel è l’unico a poter accedere direttamente alle risorse hardware ed ha lo scopo di rendere efficiente l’esecuzione contemporanea di più processi, distribuire tra i processi memoria e tempo di CPU, fornire le interfacce software per l’accesso alle periferiche.

USER SPACE: E’ l’ambiente virtuale in cui vengono eseguiti i normali programmi. Essi si possono interfacciare al kernel attraverso una serie di funzioni di sistema standardizzate dette SYSTEM CALL.

Load More